Dettaglio Notizia


La Donna dei miei tempi

inserita il 21 /10 /2004

6671 Letture


 

Le donne Sansostenesi ed Andreolesi di oggi, non rispecchiano pi? la donna dei miei tempi e dei miei ricordi. Oggi sicuralmente pi? emancipate ed acculturate. Ma la donna che io ricordo volentieri, anche perch? avevo un'altra et?, era, sebbene soggiogata ai desideri del marito, la vera "dirigente" della casa, nonch? maestra di disciplina nella famiglia. L'uomo pavonava la sua arroganza maschile, ma in realt? la sua supremazia fioriva solamente durante l'assenza della moglie. La vita di allora e l'economia della casa erano molto misere, ma la donna di casa, colma d'amore per la famiglia, era sempre pronta a caricarsi di tutte le responsabilit? che avrebber? dovuto essere doveri dell'uomo. Acora oggi, dopo moltissimi anni, non riesco a immaginare come una famiglia di allora avrebbe potuto "tirare avanti" senza il contributo della donna.  Donna che a quei tempi era "schiava", senza ceto sociale, spesso messa da parte e senza cultura. Mi chiedo se, le donne di oggi, sarebbero capaci di emulare le proprie madri e nonne, semplicemente per la voglia di farlo, perch? grazie a Dio, quella necessit? e bisogno di allora oggi non c'?. Grazie Signuriii !!!!
Mi piacerebbe fare un esempio ai giovani lettori e raccontare ad esempio di come si faceva il bucato o meglio "a vucata".
Oggi, nell'era tecnologica, basta premere l'interruttore della lavatrice e : "voil?"; il miraolo si compie, senza sprecare energia fisica, ma solamente elettrica. Le nostre nonne invece, facevano il bucato nel seguente modo:
1) dovevano andare in montagna a raccogliere la legna necessaria per il fuoco, quindi tagliarla,caricarla in testa e portarla a casa;
2) andare al fiume, alaca o salubro, oppure ad un qualsiasi burrone vicino casa dove scorreva acqua abbondante, lavare i panni, caricarli sulla testa e ritornare a casa;
3) Tornati a casa si metteva una "cardara" a bollire con acqua e cenere, a fianco c'era un grande vaso o giarra, alto un metro e mezzo che si stringeva verso la base, dove era posto un tubetto di scarico. I panni venivano messi in questo vaso, a strati e coperti con un lenzuolo che fungeva da filtro. Su questo lenzuolo si versava il liquido bollente, che poi usciva dallo scarico. I nostri vestiti, ovviamente, non erano delicati, i vestiti di allora erano di lana, filata dalle nostre nonne in casa  e "asili" (fibre di ginestra), filate allo stesso modo. Questo processo serviva a dare bianchezza ai panni.
4) Il giorno seguente si faceva ritorno al fiume a risciacquare i panni che poi venivano stesi su pietre e cespugli al sole ad asciugare. A sera si ritornava a casa stanchissimi, ma con panni puliti e bianchissimi e sopratutto senza avere causato danni al sistema ecologico. L'energia della donna proveniva dall'amore per quello che faceva e da alcune "muzzicati" ara "pizzata o aru "pana asciuttu" cu du coccia d'olivi cretti. Come ho gi? detto in altri miei articoli : il passato ? bello perch? noi lo ricordiamo bello, ma vi asicuro che la bellezza sta solo nel ricordo. Ai giovani di oggi raccomando solo una cosa : " ricordate la vostra semenza e la vostra storia, la conoscenza del vostro passato vi condurr? verso il vostro futuro".
Angelo Iorfida, Canton, Ohio, USA           ottobre,19,2004

 

Autore Angelo Iorfida
 
clicca sul disegno per tornare indietro

 

 

 

 

 

   
   
   

Tutte le informazioni, le foto e le poesie sono state gentilmente concesse da alcuni paesani, ne è pertanto vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione.
Copyright © 1999-2015"La piazza di San Sostene" di Stefano Procopio. Tutti i diritti riservati.

Oggi è

6 user online
Disclaimer
6 user online
6 users are at:

 

 

Il tuo IP è