Dettaglio Notizia


Ntoniciaddhu e Paliaddhu

inserita il 04 /06 /2010

6847 Letture


 

Le storie che sono pronto a raccontare sono vere, ed eccetto per una, le ho testimoniate personalmente e giuro sulla loro verita.


Ntoniciaddhu ( dispreggiativo per Antonio) era fabro ferraio di mestiere, ma era meglio conosciuto dagli andreolesi come vagabondo senza merito civile. Passava  le sue ore nelle bettole andreolesi, mentre la sua bottega (a forgia) rimaneva chiusa. La sua abilita?come fabro ferraio era trascurabile e quindi mancava di clienti assidui. La sua essenza dalla bottega non costituiva ne? una minaccia economica ad altri fabri andreolesi, ne? a se stesso. La mancanza di abilita? nel suo mestiere, era piu?che sostituita dal suo senso umoresco, particolarmente quando sotto l?influenza di Bacco. Un giorno, mentre era sdraiato sugli scalini della casa dei suoi genitori, Ntoniciaddhu chiese di mia zia Mariuzza, che abitava vicino , di solvere un mistero che lo perplessava da lungo tempo. Il mistero da solvere era il seguente: Gli uccelli costruiscono il loro nido su alberi, e su tegole del tetto, e ?u ciucciu duva sa facia?? (e l?asino dove se la fa)? Zia Mariuzza dimentico? momentaneamente il suo senso di moralita? femminile, e incapace di resistere la sua tentazione di una risposta meritata, esclamo? ?ammianzu l?anchi e mammata?!!! (tra le gambe di tua madre). L?espressione era tipica dei tempi e quindi era priva di shock, e immune a censura morale.
 
Angelo Iorfida, Canton Ohio, USA 30 Luglio 2009

 

Autore Angelo Iorfida
 
clicca sul disegno per tornare indietro

 

 

 

 

 

   
   
   

Tutte le informazioni, le foto e le poesie sono state gentilmente concesse da alcuni paesani, ne è pertanto vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione.
Copyright © 1999-2015"La piazza di San Sostene" di Stefano Procopio. Tutti i diritti riservati.

Oggi è

5 user online
Disclaimer
5 user online
5 users are at:

 

 

Il tuo IP è