Dettaglio Notizia


E SE ARRIVASSE UNO TSUNAMI ?

inserita il 15 /09 /2007

5124 Letture


 

E SE ARRIVASSE UNO TSUNAMI ?

 

Tempo fa ho letto un bel messaggio del mio Amico Antonio Rotiroti, che mi ha particolarmente toccato. Antonio descriveva il suo stato d’animo, quando ha visto in Lacina, il terreno sommerso dall’acqua della diga. Non si è vergognato di ammettere di aver pianto, perché quel territorio lo ricordava da bambino e da fanciullo quando, insieme al suo povero papà, ha trascorso giorni indimenticabili. Leggendo il suo scritto, anch’io mi sono commosso, in quanto,  quei posti, proprio con il fratello di Antonio, li ho frequentati. In realtà ci commoviamo perché quando torniamo alle nostre terre di origine, quando rientriamo al nostro paese, riaffiorano tanti ricordi, belli a volte meno belli, ma sicuramente straordinari.  Straordinari  perché il nostro paese rappresenta, per tutti noi che viviamo fuori, un posto accogliente, tranquillo, sereno e soprattutto sicuro. Almeno così lo immaginiamo. Insomma, San Sostene , visto da lontano, lo vediamo come un posto protettivo, dove riposarci e rilassarci. L’unico pericolo che intravedevo nel nostro paese, era dettato dai cartelli stradali, salendo dalla marina verso il paese, che segnalavano “caduta massi”. Questi cartelli ci sono sempre stati e di conseguenza , anche con i cartelli di pericolo si impara a convivere.
Poi con il tempo, si sa tutto si evolve , tutto aumenta e muta e……di conseguenza anche i cartelli.
L’anno scorso ho notato che anche i cartelli sono aumentati e se ne sono aggiunti. La giunta comunale ha pensato bene di dare come sottotitolo al nostro paese un titolo, “sicuramente meritato”forse anche , eccezionale : “ San Sostene, la città del vento “.   Un Pay-off del genere,  mette in risalto la capacità  comunicativa del nostro comune, soprattutto in vista dell’Amerca’s Cup 2011. Ad ogni modo è sicuramente originale, in quanto,di solito, un sottotitolo evidenzia l’aspetto qualitativo della città e di conseguenza positivo della stessa; mi viene in mente “la città del sole”, “la città giardino”, “la città dei sassi” ecc. . Ma … San Sostene : proprio “città del vento” ?????? Ma cosa abbiamo fatto di male???  Sicuramente Eolo sarà contento e ringrazia. 
Ma, i cartelli non finiscono qui ed ecco che lo scorso inverno ne compare un altro in marina a fiumesecco (davanti l’ex ristorante La Stalla). Voi sapete che da oltre un anno è chiuso il passaggio a livello della marina di San Sostene, per realizzare il sottopasso e di conseguenza, l’unico accesso al mare rimane l’attraversare il fiume in questione, nel senso che bisogna guadarlo per arrivare al mare. L’estate non è un problema, in quanto acqua non c’è ne; ma l’inverno l’acqua c’è e se piove sono dolori. Allora è comparso il cartello con scritto: “ vietato attraversare in caso di inondazione” o qualcosa di simile. Peccato che a valle vi abitano qualche decina di famiglie e vi sono delle attività commerciali che in “caso di inondazione”,  nessuno ha spiegato dove devono andare .
Ora, bene a segnalare i pericoli ma sarebbe opportuno cercare un’alternativa , quanto meno per prevenire. Ad ogni modo, mi auguro che il prossimo anno non compaia un cartello con scritto “Pericolo Tsunami”.

 

Autore Mimmo Capano
clicca sul grillo per tornare indietro

 

 

 

 

 

   

 
   
   
   

Tutte le informazioni, le foto e le poesie sono state gentilmente concesse da alcuni paesani, ne è pertanto vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione.
Copyright © 1999-2015"La piazza di San Sostene" di Stefano Procopio. Tutti i diritti riservati.

Oggi è

5 user online
Disclaimer
5 user online
5 users are at:

 

 

Il tuo IP è